Zooomr e jUploadr: finalmentr!

6 03 2008

Un brevissimo aggiornamento a quanto scritto nei giorni scorsi…

Non avevo avuto il tempo materiale di fare le mie dolci prove ma adesso tutto è chiaro:
Zooomr e jUploadr funzionano bene insieme e finalmente è possibile caricare le foto comodamente…

Ricordatevi però di scaricare la versione alpha1 di jUploadr che trovate a questo indirizzo.
Si lo so, è una versione alpha ma non mi ha creato particolari noie.

La procedura per abilitare jUploadr è semplice.

Bisogna cliccare su “Modifica” poi su “Preferenze” e successivamente “Autorizza jUploadr”.

Si aprirà automaticamente, oltre ad un popup generato da jUploadr, una pagina internet simile (se non uguale 😛 ) a questa:

jUploadr

Date l’autorizzazione ed iniziate a caricare (o reiniziate visti i tempi) le vostre foto!

– la cinciallegra peppeg

Annunci




Disponibile la prima alpha di jUploadr 1.2. Quasi

14 07 2007

Screenshot jUploadr

Di jUploadr si era già parlato, di come Cohen avesse ritardato il rilascio della nuova versione per venire incontro a Zooomr, che avendo ancora scarsa capacità di storage (Kris, mai sentito parlare di S3?) non avrebbe potuto reggere un uploading di massa. Eppure una nuova versione di jUploadr ora c’è: la prima alpha della 1.2 e con belle novità tra cui il geotagging con tanto di memoria dei luoghi e una nuova gestione delle etichette. Con Zooomr ancora non funziona, perché la chiave API dedicata a jUploadr ancora non è stata attivata (questo presupporrebbe almeno che le API siano complete e funzionanti).

Nel frattempo il nuovo jUploadr è lì, su sourceforge, e funziona: non benissimo ma funziona. Con Flickr.

Non fraintendetemi: sono amareggiato. Davvero.

Michele C. S.





jUploadr per caricare su Zooomr. Con calma

8 07 2007

JUploadr LogojUploadr è pronto per Mark III. Quasi.

Mi spiego. Steve Cohen, il papà di Juploadr, ha aggiornato la sua creatura alla nuova versione delle API di Zooomr, non ancora rilasciate ufficialmente ma che a quanto pare poco si discostano da quelle vecchie. Tuttavia la nuova versione di Juploadr non è ancora disponibile in quanto non funzionerebbe.

Kris Tate, infatti, non ha ancora attivato la chiave API di Juploadr (una chiave API è un codice che permette di identificare quale applicazione o chi sta usando le API). L’attivazione della chiave verrà ritardata fino a quando Sun avrà consegnato i nuovi server: pare, infatti, che Zooomr debba cercare di rallentare in qualche modo l’upload delle fotografie fino a quando non avrà a disposizione nuovi Hard Disk su cui memorizzare le immagini. Un caricamento troppo selvaggio potrebbe esaurire in breve tempo lo spazio su disco. Da qui la necessità di procurarsi nuove macchine e nuovi dischi.

Provate ad immaginare cosa si potrebbe fare usando un uploader di massa su un sito come Zooomr che ha nell’assenza di limiti di upload uno dei suoi punti di forza.