Disponibile la prima alpha di jUploadr 1.2. Quasi

14 07 2007

Screenshot jUploadr

Di jUploadr si era già parlato, di come Cohen avesse ritardato il rilascio della nuova versione per venire incontro a Zooomr, che avendo ancora scarsa capacità di storage (Kris, mai sentito parlare di S3?) non avrebbe potuto reggere un uploading di massa. Eppure una nuova versione di jUploadr ora c’è: la prima alpha della 1.2 e con belle novità tra cui il geotagging con tanto di memoria dei luoghi e una nuova gestione delle etichette. Con Zooomr ancora non funziona, perché la chiave API dedicata a jUploadr ancora non è stata attivata (questo presupporrebbe almeno che le API siano complete e funzionanti).

Nel frattempo il nuovo jUploadr è lì, su sourceforge, e funziona: non benissimo ma funziona. Con Flickr.

Non fraintendetemi: sono amareggiato. Davvero.

Michele C. S.

Annunci




Migrare da Flickr a Zooomr

18 06 2007

Di questi tempi qualcuno potrebbe pensare che e’ arrivato il momento buono per passare a Zooomr. In special modo gli utenti di Flickr che vogliono superare i limiti imposti dal celebre servizio di photo sharing. Uno dei problemi piu’ sentiti dai suddetti utenti e’ quello dello spostamento in massa delle proprie foto da un servizio all’altro.
In questo post faremo una panoramica delle possibilita’ che in questo momento la rete offre, in attesa che vengano pubblicate le API di Zooomr e che qualcuno le sfrutti per realizzare un tool che permetta una migrazione indolore.
Leggi il seguito di questo post »





Confronto (preliminare) tra Zooomr e Flickr

5 06 2007

Zooomr vs Flickr
Non prendiamoci in giro e guardiamoci negli occhi: Zooomr mira a Flickr come un modello da seguire, banalmente perché Flickr ha un enorme successo, come testimoniano più di cinque miliardi di fotografie caricate. Ovviamente noi utenti di Zooomr siamo convinti che la tripla O sia all’altezza della situazione e che abbia le carte in regola per essere qualcosa di più di un semplice sito di photo sharing.

A questo proposito su Mashable c’è un interessante face-off, un faccia a faccia tra i due siti di condivisione immagini, comparandone principalmente le funzioni ma ponendo anche l’accento sulla questione comunità: Flickr ha una comunità a dir poco sterminata e molti tools esterni a disposizione degli utenti (basti citare Flickr Toys, o il browser Flock).

Proprio la questione dei tools a disposizione, che vanno dai widget per il proprio blog ai programmi per l’upload, è un tasto dolente: Flickr ha delle API stabili da tempo, mentre quelle di Zooomr ne hanno seguito le sorti travagliate. Anche se erano già presenti nella release 2, Kris ad un certo punto smise di rilasciare le chiavi API agli sviluppatori, preferendo aspettare Mark III. E le API di Mark III sono uno dei pezzi che ancora manca, e con esse la possibilità di scrivere programmi e mashup. Tuttavia Mashable considera Zooomr e Flickr alla pari in riferimento agli strumenti per la comunità, complice soprattutto lo ZipLine, che alla stregua di un Twitter per fotografi, si comporta come un microblog per comunicare e interagire con i propri contatti.

Ovviamente il punto più grosso a favore di Zooomr è rappresentato dall’assenza di limiti per le proprie fotografie mentre per avere un trattamento simile su Flickr bisogna pagare una quota annua di 24,95$ (circa 18,50€ al cambio attuale).

Volendo essere banali e contando i punti analizzati da Mashable, Flickr risulta vincente per sei a quattro ma Zooomr ha dalla sua una serie di strumenti che lo rendono qualcosa di più di un semplice posto dove parcheggiare le proprie foto, puntando ad essere una maniera di comunicare attivamente attraverso le foto il nostro punto di vista del mondo.

Un’ultima nota: che usiate Zooomr o Flickr, ricordate di portare la macchina fotografica.

– michelinux