Posso fare una foto?

3 08 2007

Tempo di vacanze: mare, montagna o città d’arte, con i monumenti, le opere architettoniche e artistiche che fanno bella mostra di sé. “Accidenti – penso – questa la devo troppo scattare, così faccio crepare gli altri su Zooomr!“. Ed ecco arrivare un funzionario SIAE, già nero di suo per via della moglie che se la fa con un venditore ambulante di dischi masterizzati. Il funzionario mi chiede cosa stia facendo. “Scatto una foto“, come se non si vedesse. “Ce l’ha il permesso dell’autore?” mi fa lui. Figuriamoci! neanche so chi sia l’autore e un po’ mi vergogno: l’anno prossimo studio di più. “Solo l’autore ha il diritto di riprodurre l’opera“, mi dice guardandomi torvo e vagamente minaccioso. “Guardi che non voglio rifarla uguale nel giardino di casa. Sto solo scattando una foto“. “Ah, ma mica c’è differenza. Foto o costruzione fa lo stesso“.

Difficilmente una situazione del genere potrebbe avere luogo. O forse sì?

Chiesa di Padre PioIn Italia tutte le opere sono tutelate dal diritto d’autore e per riproduzione si intende anche quella fotografica. Poco importa se l’opera sia liberamente accessibile e guardabile semplicemente camminando per strada: lo sa bene anche Wikipedia. Nello stivale non è prevista la liberta di panorama, ovvero la possibilità di fotografare quello che vediamo, anche se finanziato con denaro pubblico, tanto meno se intendiamo pubblicare le immagini su Zooomr o altrove. Se ci aggiungiamo che, in alcuni comuni, per posare un cavalletto bisogna chiedere il permesso per l’occupazione di suolo pubblico, ci si rende conto di quanto le cose siano difficili per ii fotografi amatori e non.

Poi, di fatto, il problema non si pone. Siamo in Italia. E in Italia, per fortuna o purtroppo, i controlli sono quelli che sono.

 by michelinux

Annunci

Azioni

Informazione

2 responses

4 08 2007
yukyuk

Non c’e’ il diritto di panorama, ma c’e’ il diritto di cronaca.
Potresti dire che stai fotografando un “evento” davanti al monumento.
Tipo l’aria che si sposta. O la polvere che si deposita.

4 08 2007
Nemo

In Italia dovrebbero pensare a fare meno leggi e ad impegnarsi a far rispettare quelle che ci stanno.

Ad ogni modo, discorsi politico-burocratici a parte, certe leggi sono assurde.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: